Tuesday, November 07, 2006

TORNATO DAL SILENZIO

Questa volta rompo un silenzio voluto, causato da molteplici fattori...un silenzio che è l'opposto di quello che questo blog cerca di trattare. Torno da quel silenzio che non dice nulla, non lascia traccia, non si fa sentire volutamente... Torno con Gibran e un passo a cui sono molto legato

La realtà dell'altro non è in cio' che ti rivela,
ma in quel che non puo' rivelarti.
Percio', se vuoi capirlo, non ascoltare le parole che dice,
ma quelle che non dice.


9 comments:

Astralla said...

Oppure ascolta il tuo cuore ma mettiti nei panni della persona che hai davanti...e non fare agli altri ciò che non vorresti fosse fatto a te....
Gibran è nel cuore di molti :)

Claudia said...

devo dire di non aver capito subito quale spessore o accezione avesse il tuo silenzio. Come sai, in passato ho sottolineato come a volte sia necessario rompere il silenzio che tieni in piedi i pregiudizi, che é tenuto in piedi dalla paura, dalla vergogna, dalle dittature...
Ora capisco perché questo blog dedicato al silenzio.
Si connettono le due strade? Forse no.
Ascoltare tutte le parole? sentire dentro alle parole della logica quelle del sentimento?

Marco said...

Credo che il non-detto sia una parte importante della comunicazione che, spesso, tendiamo ad escludere o ignorare.

lucia said...

il detto è frutto del momento e del dicibile. Il non detto è verità non censurabile

PiB said...

@ Astralla: e non fare agli altri ciò che non vorresti fosse fatto a te infatti io raramente pongo domande
@ Claudia:sentire le parole...ecco dette non dette pensate e mai pronunciate
@ Marco: benvenuto. ignorare è il termine esatto perchè ne siamo spaventati
@ Lucia: verità non censurabile..come sempre essenziale

artemisia said...

Ti giuro che non ho letto questo post prima di scrivere il mio commento su AAV.

zefirina said...

ci sono silenzi che è difficile interpretare e se poi fraintendi?? personalmente preferisco parole chiare, nette, precise però non faccio più domande a chi so che non può o non vuole rispondermi con franchezza, e il non detto molte volte crea dei baratri profondi

Claudia said...

A volte peró le domande sono attese, come segno di interessamento. Che si fa in quei casi?

lostupido said...

questo è MOLTO bello!

quello sopra mica tanto... quello di Camus. io sono per le parole semplici. credo che proprio il silenzio insegni la semplicità delle cose. spiegarlo con carambole di metafore, allegorie e terminologie complesse non sia giusto.